15 Marzo 2020

Montepitti brilla d’argento in Germania

suvereto
Siamo felici di condividere con voi un importante riconoscimento che è stato dato al nostro vino MONTEPITTI 2017 dal concorso enologico internazionale di Berlino, “Berliner Wine Trophy”. Si tratta della medaglia d’argento, che ci dà soddisfazione in particolare perché questo vino, Sangiovese 100%, è a denominazione DOC Val di Cornia-Suvereto, pensiamo, quindi, che tale riconoscimento oltre che esserlo per la nostra azienda lo sia anche per tutto il nostro territorio.
MONTEPITTI è il vino che rappresenta la nostra anima e la nostra storia: la prima uscita dell’etichetta è stata nel 1994, il suo nome è il riferimento al toponimo della collina che si trova proprio dietro la nostra azienda al confine tra i comuni di Campiglia mma e Suvereto e dove ai suoi piedi sono state impiantate le viti di Sangiovese
Viene prodotto con un sesto di impianto di 5100 viti per ettaro con una produzione  di 70 ql/ha; in vendemmia si procede con una vinificazione in rosso in tini di acciaio a temperatura controllata, segue poi un affinamento di 8 mesi in antichi tini di cemento, che appartenevano alla nostra famiglia e che sono stati restaurati, il numero di bottiglie annuo prodotto è di 7.500.
Montepitti è un vino dal profumo di ciliegia marasca con un finale balsamico, in bocca ha un tannino vivace ma non pungente grazie all’affinamento, ha una lunga persistenza ed un finale leggermente sapido. Ottimo l’abbinamento con carne rossa di medio-lunga cottura.

Altre storie

memoria olfattiva

L’assaggio dei vini nuovi, tra conferme e sorprese

Il mese di gennaio del 2021 inizia per la nostra azienda con un consueto appuntamento: l’assaggio dei vini ottenuti dall’ultima vendemmia al fine di  preparare  gli imbottigliamenti e gli affinamenti. Questa operazione è un momento molto importante per ogni azienda vinicola perché rappresenta un po’ la cartina tornasole di...

legumi_salutari-e1455790646185

Legumi, quale abbinamento con i vini del centro Italia

I LEGUMI: QUANDO SI DICE CADERE A FAGIOLO Freschi o secchi? Questo è il dilem­ma: se sia da preferire una cioto­la di fave fresche e tenere appena sgusciate, dolci, sposate a piccoli bocconi di pancetta e di formaggio fresco – in Toscana cacio baccellone – oppure sfidar la bilancia...

Newsletter

Iscriviti alla newsletter.

Privacy: Acconsento al trattamento dei dati personali

La parola del momento