19 Gennaio 2021

L’assaggio dei vini nuovi, tra conferme e sorprese

assaggio di vini
Il mese di gennaio del 2021 inizia per la nostra azienda con un consueto appuntamento: l’assaggio dei vini ottenuti dall’ultima vendemmia al fine di  preparare  gli imbottigliamenti e gli affinamenti.
Questa operazione è un momento molto importante per ogni azienda vinicola perché rappresenta un po’ la cartina tornasole di tutto il lavoro di programmazione e impostazione fatto nel vigneto nell’anno precedente.
Per essere più chiari per chi non conosce bene come nasce un vino dobbiamo partire dall’inverno precedente quando inizia la potatura. Ogni vignaiolo conosce il proprio vigneto come il giardino di casa sua e sa benissimo quale porzione di impianto è più indicato per produrre un certo tipo di vino. Per fare un esempio pratico della nostra azienda: produciamo un vino che è fatto con 100% sangiovese (il “Montepitti”) negli anni abbiamo ormai individuato una porzione dei nostri vigneti di sangiovese che produce la migliore uva adatta a produrre quel vino, così tutta la programmazione e i lavori in quella parte del vigneto durante la stagione saranno strutturati per quella specifica finalità. Al momento della vendemmia quel pezzo di vigna verrà vendemmiata separatamente, cioè gli sarà destinata una specifica vasca di vinificazione. Per fare un altro esempio avremo che nel vigneto denominato Volpaiole faremo tre distinte vendemmie ad ognuna delle quali sarà destinata una specifica vasca (Volpaiole1, Volpaiole2, Volpaiole3). Mettiamo che Volpaiole 1 è la porzione di vigneto che avevamo deciso di destinare per produrre il Montepitti. A gennaio dovremo verificare insieme all’enologo se quello che abbiamo programmato si è verificato, cioè se tra le tre porzioni di vigneto (Volpaiole 1,2,3) la 1ª è effettivamente quella che ha dato la migliore uva e successivamente il miglior vino dopo la fermentazione. Tornando ad oggi l’operazione che viene fatta è proprio quella di prelevare dei campioni di vino dalle vasche e assaggiarli, in questa fase è importante avere come riferimento anche le annate precedenti, affinché il nuovo vino mantenga quei connotati che nella sua storia lo hanno caratterizzato. Fare questo tipo di degustazione non è facile; spesso ci si trova di fronte a vini molto simili, o a scelte difficili, soprattutto quando si va a scegliere dei vini che non andranno in commercio in quell’anno ma che invece saranno destinati all’affinamento in legno o in bottiglia; quindi nell’assaggio, l’enologo insieme al vignaiolo dovranno percepire nel vino quelle caratteristiche di longevità ed evoluzione richieste.
Nel 90% dei casi la degustazione si conclude con la conferma di ciò che era stato programmato mesi prima, ma può anche accadere che nel corso dell’anno si siano verificati degli eventi tali che facciano propendere la decisone per un’altra vasca. Sono molte le variabili che possono entrare in gioco durante un anno: il clima, malattie della pianta, problemi durante la vinificazione….

 E’ il bello  del mestiere del vignaiolo.

Altre storie

1920x1080CoverEvento

10° Mercato FIVI a Piacenza: i Vignaioli Indipendenti guardano al futuro

La decima edizione del Mercato dei Vignaioli Indipendenti (FIVI), in calendario a Piacenza da sabato 27 a lunedì 29 novembre (INFO E ORARI) 2021, sarà un momento per festeggiare, ripartire e pensare al futuro. I 680 Vignaioli che riempiranno gli spazi espositivi di Piacenza Expo saranno i protagonisti di...

consorzio suvereto val di cornia

NASCE IL CONSORZIO DI TUTELA SUVERETO E VAL DI CORNIA WINE

Il nuovo consorzio di tutela Dop Suvereto e Val di Cornia Wine è ufficialmente costituito. In data 27 ottobre le cantine di questo territorio hanno compiuto il passo che riunisce le tre denominazioni: DOCG Suvereto, DOC Val di Cornia, DOCG rosso Val di Cornia e la cantina Rigoli ha...

citta del vino accordo premio

Accordo 2020 da medaglia d’Oro

Altre due grandi soddisfazioni arrivano dai concorsi internazionali sul vino. Questa volta si tratta di un concorso che ha sede in Italia organizzato dall’associazione delle Città del Vino. In questa edizione i nostri vini in concorso erano L’Assiolo 2016 e Accordo 2020 entrambi hanno raggiunto la medaglia d’oro. È...

Newsletter

Iscriviti alla newsletter.

Privacy: Acconsento al trattamento dei dati personali

La parola del momento