7 Dicembre 2020

Viticoltura eroica, il giro dell’Italia tra i vigneti “scomodi”

UNA VITICOLTURA CHIAMATA EROICA

INTERVISTA A ROBERTO GAUDIO, PRESIDENTE USCENTE DI CERVIM

È la viticoltura eroica delle zone particolarmente difficili, come montagna e piccole isole, e così è stata definita dall’articolo 7 del Testo Unico del Vino (L. 238/2016) e dal Decreto attuativo emanato a inizio estate, mu­tuando un’espressione coniata dal Cervim, istituzio­ne di interesse europeo che ha sede in Val d’Aosta.

Il Cervim ha coniato il termine viticoltura “eroica”. Che cosa voleva intendere?

Le caratteristiche della viticoltura oggi chiamata eroica, anche dalla normativa italiana, sono state definite dal Cervim all’inizio degli anni Duemila: vi­gneti a un’altitudine superiore ai 500 metri s.l.m., o su terreni con una pendenza superiore al 30 per cento, oppure sistemi viticoli terrazzati o a gradoni o, infine, sistemi viticoli delle piccole isole. È suffi­ciente una sola di queste caratteristiche. Questo è quanto è stato recepito anche dal Decreto intermi­nisteriale dedicato alla viticoltura eroica.

E il termine “eroica”?

Nel 2011 presentammo a livello comunitario il mar­chio “Viticoltura eroica”, un marchio collettivo di appartenenza. Piano piano il termine è venuto ad essere sempre più riconosciuto dai tecnici, dagli esperti, dai wine lover. È stata una grande soddi­sfazione il fatto che, nella legge quadro della vite e del vino, nel 2016, un articolo sia stato specifica­mente dedicato alla salvaguardia dei vigneti “eroi­ci” e “storici”, e il termine eroico sia passato da brand a qualcosa di più concreto e tangibile.

Storico e eroico: si può fare confusione?

No, perché la distinzione è abbastanza chiara. Il termine eroico si lega all’orografia del terreno, che comporta tutta una serie di difficoltà lavorative, di realizzazione e conduzione del vigneto: si pensi che un ettaro richieda in media 1800 ore di lavoro an­nue contro le 60 in pianura. L’altro termine indica la storicità, che può essere la forma di coltivazione o gli anni di esistenza di quel vigneto, che potrebbe però trovarsi anche in pianura. Il decreto attuativo rafforza tuttavia la presa di coscienza che questa vi­ticoltura ha una propria valenza, strategia e impor­tanza. Non stanzia direttamente risorse ma rinvia alle regioni tutta la parte attuativa e organizzativa.
Quale valore può apportare a quei territori la viticoltura?

Per prima cosa, sottolineo che i vigneti eroici non sono musei a cielo aperto: di norma, anzi, si trovano in zone dove il turismo è la voce più importante dell’economia locale. La presenza di un vigneto segna fortemente un pa­esaggio ed è evidente quindi che il paesaggio vitato svol­ga un’azione, diretta e indiretta, a sostegno del turismo e dell’economia. Come presidente del Cervim ho sempre creduto molto nell’abbinamento prodotto-paesaggio. La sfida vera che abbiamo in queste aree è che, quando qual­cuno beve un vino prodotto in questi contesti, sia esso un wine lover o un degustatore, ne stia bevendo anche il paesaggio.
E dal punto di vista socioculturale?

La produzione di vini ha un ritorno economico che interes­sa quei territori anche dal punto di vista sociale: si pensi all’occupazione, o al non abbandono delle terre e alla loro manutenzione, difesa e salvaguardia. L’abbandono porta a problemi come il dissesto idrogeologico.

Possiamo dare per scontato che siano vini di qualità?

I vini prodotti in queste zone sono di qualità oggettiva­mente elevata. Di più, derivano in gran parte da vitigni autoctoni, che si trovano solo nelle loro aree e sono ciò che dà il valore aggiunto al proprio vino; in molti casi sono anche contesti fillossera free, come l’alta Valle d’Ao­sta o l’isola di Sant’Antioco. Il concorso Mondial des Vins Extrêmes da noi promosso ha proprio la finalità di ricono­scere e far conoscere la qualità di questi vini.

Quando lei pensa alla viticoltura eroica, a che luoghi pen­sa?

Sono molti, in quasi tutte le regioni italiane. Penso alla Val d’Aosta ma anche a luoghi come la Costiera amalfi­tana, la Liguria, la Valtellina, la Candia dei Colli Apuani, la Val di Cembra in Trentino, la Valle dell’Isarco, e poi le isole come Elba, Giglio, Eolie, Ischia, Sant’Antioco e Capri, Ponza, Ventotene, Pantelleria, Ustica… Proprio a un vino di Ustica l’anno scorso è stato assegnato il Gran Premio Cervim al nostro Mondial des Vins Extrêmes 2019.

Articolo tratto da Il Sommelier Magazine 
Autore: Emanuele Cenghiaro
Prova il nostro Passito di Ansonica 100%

 

 

Altre storie

memoria olfattiva

L’assaggio dei vini nuovi, tra conferme e sorprese

Il mese di gennaio del 2021 inizia per la nostra azienda con un consueto appuntamento: l’assaggio dei vini ottenuti dall’ultima vendemmia al fine di  preparare  gli imbottigliamenti e gli affinamenti. Questa operazione è un momento molto importante per ogni azienda vinicola perché rappresenta un po’ la cartina tornasole di...

legumi_salutari-e1455790646185

Legumi, quale abbinamento con i vini del centro Italia

I LEGUMI: QUANDO SI DICE CADERE A FAGIOLO Freschi o secchi? Questo è il dilem­ma: se sia da preferire una cioto­la di fave fresche e tenere appena sgusciate, dolci, sposate a piccoli bocconi di pancetta e di formaggio fresco – in Toscana cacio baccellone – oppure sfidar la bilancia...

vendemmia 2017

Vendemmia 2020 i numeri dall’osservatorio del vino

PRODUZIONE IN LIEVE CALO, MA LA VENDEMMIA 2020 SARÀ DI QUALITÀ In realtà si tratterebbe solo di un -1% rispetto al 2019, in previsione e arrotondando per eccesso di qualche decimale, ma il calo della produzione vitivinicola stimato per il 2020 non spaventa il settore, anzi in qualche modo...

Newsletter

Iscriviti alla newsletter.

Privacy: Acconsento al trattamento dei dati personali

La parola del momento