30 Ottobre 2020

Natura, la bellezza del paesaggio vitivinicolo

BELLEZZA QUALE LUOGO DI SALVEZZA: IL PAESAGGIO VITIVINICOLO
natura
“… il Sublime s’accompagna sempre a un senso di smarrimento, e prevale su ciò che è solo convincente o grazioso… poiché esso, conferendo al discorso un potere e una forza invincibile, sovrasta chiunque” (“Del Sublime”, cap. 1).

Il meraviglioso “Trattato del Sublime” (non attri­buibile, né databile, ma non posteriore al I sec. d.C.), capolavoro assoluto della Koiné greca, si ri­ferisce alla letteratura e alla retorica; ma la sua profondità ben si adatta all’urgentissima brama di salvezza: il Sublime e la Bellezza ci salveranno, mediante la forza irrazionale del pàthos, capace di suscitare un’emozione estetico-affettiva così intensa, da riportarci violentemente alle esigenze essenziali al nostro vivere: niente orpelli, nien­te bisogni indotti, ma le occorrenze primarie alla crescita del nostro intelletto, soprattutto in tempi pericolosamente bui.

Bellezza è salvezza.

Bellezza si esprime in una miriade di forme: Bel­lezza come frutto della creatività umana (musica, letteratura, architettura etc.); Bellezza è Natura nella sua forza primordiale e primigenia, barbarica (cfr. Leopardi e le sue “Operette Morali”); Bellezza è Natura “civilizzata”, dove l’uomo riesce splendi­damente a plasmare, per la propria sussistenza, senza sovrastare o violentare: Bellezza appartiene al campo semantico del femminino, come Pace e Armonia.

Di queste salvifiche espressioni fa parte a tutti gli effetti il paesaggio vitivinicolo. Esiste in quan­to soggetto economico, certamente; ma laddove costituisce il punto armonico tra vigna, territorio, antropizzazione significa anche Salvezza.
Non è un caso che i paesaggi vitivinicoli più belli incontrino fatalmente l’Arte.

Le Langhe, ad es., costituiscono un volano pro­duttivo, ma sono anche una categoria dell’anima: luogo selvaggio del mito della frontiera. Cesare Pa­vese le costruisce come cornice del ritorno al Mito primordiale (“Dialoghi con Leucò”); sono la rappre­sentazione plastica della propria inadeguatezza al vivere (“Il diavolo sulle colline”); ne “La Luna e i falò” la vigna è il rifugio ultimo, rappresenta la fine (lì viene bruciato il cadavere di Santa, sulle potatu­re dei tralci) e il re-inizio, proustianamente inteso. Per Beppe Fenoglio il vigneto insanguinato rafforza la sensazione di essere “in the wrong sector of the right side” (da “Il partigiano Johnny”). Le Langhe costituiscono solo un esempio, per quanto ecla­tante, di quello che possiamo nominare “Vigneto Italia”, uno straordinario palinsesto di emozioni, di contraddizioni; fatto di sudore, lacrime e sangue, ma anche di riappropriazione identitaria, capace di stimolare la Natura, non di ucciderla.

A questo proposito, una lettura illuminante è “Vino al Vino” di Mario Soldati, un fascinoso viaggio at­traverso il nostro vigneto, ove il cap. I (“Il vino come opera d’arte”) andrebbe “mandato a memo­ria”, come i versi di Dante. La sezione descrittiva del nostro splendido Sud è da manuale: il chietino, la Penisola Sorrentina e il delizioso Gragnano, i vi­gneti siciliani e sardi e tanto altro; qui non c’è solo il prodotto che “vuole essere scoperto e conosciuto in solitudine, o nella religiosa compagnia di pochi amici”, ma soprattutto s’incontra la Storia, che di­viene frutto dell’equilibrio tra Natura e Cultura.

Questo felice connubio può denominarsi altresì Bellezza, la quale, secondo il filosofo tedesco Schiller, stimola la “schöne Seele” (“anima bella”), che a sua volta chiama Arte, quindi Salvezza.

E proprio questo distingue la “vecchia” Europa dagli altri continenti: dal vigneto della Wachau austriaca emerge imponente l’abbazia di Melk e spicca delicato nel suo colore carta da zucchero lo Stift (Duomo) di Durnstein; la Mosella tedesca, da Treviri a Coblenza, è un susseguirsi di paesini in­cantevoli e vigne a picco mozzafiato sulle sponde, patria di filosofi quali Niccolò Cusano, Karl Marx, Marcus Steinweg; senza il vigneto borgognone non ammireremmo quel capolavoro del tardo-gotico dell’Hôtel-Dieu a Beaune.

Potremmo continuare all’infinito…

In tempi di “temperie e procelle” (cfr. T. Tasso), mai come oggi occorrono àncore di salvezza; oc­corre la Politica, dove si riveli “la più alta forma di Carità” (cfr. Papa Francesco); occorre la Scienza, dove si associ all’Umanesimo; occorre disperata­mente la Bellezza. E noi italiani, noi europei ne siamo permeati profondamente, siamo immersi storicamente nella Bellezza; tra tanta Bellezza an­noveriamo sicuramente il nostro paesaggio vitivi­nicolo. Salviamoci.

Potendo. Volendo. Salviamoci.
Articolo tratto da Il sommeliermagazine
Antonio Mazzitelli

PROVA I NOSTRI VINI

Altre storie

vendemmia 2017

Vendemmia 2020 i numeri dall’osservatorio del vino

PRODUZIONE IN LIEVE CALO, MA LA VENDEMMIA 2020 SARÀ DI QUALITÀ In realtà si tratterebbe solo di un -1% rispetto al 2019, in previsione e arrotondando per eccesso di qualche decimale, ma il calo della produzione vitivinicola stimato per il 2020 non spaventa il settore, anzi in qualche modo...

cab franc selection 3

Nasceranno due Cru, una scelta di metodo

Selezione, cura, e lavorazione a mano, sono queste le basi per la produzione dei nuovi  Cru in purezza (Cabernet Franc e Merlot) che usciranno in commercio fra qualche anno dalla nostra azienda. Lo scorso anno e’ iniziata come sperimentazione per il progetto “Vino Insieme”, ma visto il grande risultato...

PHOTO-2020-10-01-01-28-273

Finisce la vendemmia 2020 o forse no…

Nell’anno del Covid, uno dei più funesti dal dopo guerra, si conclude la vendemmia 2020 all’azienda Rigoli . Eravamo pronti ad aspettarci di tutto e invece la stagione estiva è stata davvero ottima per la maturazione dell’uva. Giugno è stato piovoso con temperature sotto la media, da luglio invece...

Newsletter

Iscriviti alla newsletter.

Privacy: Acconsento al trattamento dei dati personali

La parola del momento