18 Maggio 2020

IL VINO TRA I MITI FONDATIVI DELLA CULTURA OCCIDENTALE

“Dioniso fu un giorno ospitato da Eneo (Oineùs) e si innamorò della moglie Altea. Quando Eneo se ne accorse, uscì volontariamente dalla città con un pretesto. Dioniso giacque con Altea, con la quale generò Deianira; a Eneo poi, in cambio della sua generosa ospitalità, donò la vite e gli insegnò il modo di piantarla, stabilendo che il suo prodotto, dal nome dell’ospite, si chiamasse Oinos”. (Igino, Miti, 129)

mito
Uno dei moltissimi miti sulla nascita del vino (di origine tessalica) è ben anteriore alla comparsa nel Pantheon greco dello stesso Dioniso. Addirittura risale al III millennio a.C. (ambito sume­rico) il poema fondativo della cultura occidentale: l’Epopea di Gilgamesh, dove si tratteggia la figura di Siduri la fanciulla che fa il vino”, depositaria di una conoscenza (di “pensiero” e di “parola”, quindi lògos), che permette ai mortali, magari solo attraverso il fugace, montaliano “varco”, un colle­gamento con l’Oltre.La bevanda “spirituale” che Siduri somministra a Gilgamesh non è affatto “naturale”, ma assoluta­mente “culturale”, spartiacque tra il mondo sel­vatico (vitis labrusca e uve raccolte da terra) e la civiltà (vitis vinifera e vite addomesticata).

Il vino, dunque, nella mistica antica è elemento vitale per antonomasia, fino a diventare, lungo il corso dei secoli, il Sangue di Cristo e formidabile metafora per le tre religioni monoteiste del bacino mediterraneo. Anche la proibizione del suo consu­mo nel mondo islamico è implicita accentuazione del potere rituale del nettare enoico.

In effetti, non si spiegherebbe il successo di una bevanda che accompagna l’homo occidentalis dal 7000 a.C. circa, se la sua origine non fosse anco­rata al Mito; da qui all’utilizzo magico, esoterico o farmacologico: Cesare usa il vino per combattere un’epidemia di peste che minaccia le sue schie­re (Plutarco, Vita Caesaris). Nel IX sec. la Scuola Medica Salernitana inserisce il vino nella “sobria dieta”: Inter pastam bibe vinum!

Tanto lessico del nostro mondo appartiene al Mito: dal primo amore di Dioniso, il satiro Ampelo, pren­de nome l’uva stessa (àmpelos), da cui, ad es., Ampelografia. Molti nomi di vitigni ci parlano di storie arcaiche, di migrazioni di popoli, miti che si perdono nella notte dei Tempi: Aglianico, Casavecchia, Malvasia, Teroldego etc. etc. Nonostante l’apporto della tecnologia, nonostante il modernissimo modo di comunicarlo, il vino, per certi versi, è ancora Mito; basti pensare allo Cham­pagne e alla sua potenza evocativa. L’uomo avrà sempre bisogno del Mito, come religio (collante, da “rilegare”); in grado sia di “compen­sare” diseguaglianze sociali (Barbera e Champa­gne, G. Gaber), sia di formare una coscienza “col­ta”, stimolando l’azione di una collettività verso un obiettivo: il vino, tra elementi arcaici e leggen­de allegoriche, ci accompagna così, piacevolmente insinuante, lungo i millenni.
di ANTONIO MAZZITELLI
Articolo tratto da “Il Sommelier”

Altre storie

memoria olfattiva

L’assaggio dei vini nuovi, tra conferme e sorprese

Il mese di gennaio del 2021 inizia per la nostra azienda con un consueto appuntamento: l’assaggio dei vini ottenuti dall’ultima vendemmia al fine di  preparare  gli imbottigliamenti e gli affinamenti. Questa operazione è un momento molto importante per ogni azienda vinicola perché rappresenta un po’ la cartina tornasole di...

legumi_salutari-e1455790646185

Legumi, quale abbinamento con i vini del centro Italia

I LEGUMI: QUANDO SI DICE CADERE A FAGIOLO Freschi o secchi? Questo è il dilem­ma: se sia da preferire una cioto­la di fave fresche e tenere appena sgusciate, dolci, sposate a piccoli bocconi di pancetta e di formaggio fresco – in Toscana cacio baccellone – oppure sfidar la bilancia...

Newsletter

Iscriviti alla newsletter.

Privacy: Acconsento al trattamento dei dati personali

La parola del momento