13 Settembre 2017

Vendemmia 2017, poca produzione ma alta qualità

La vendemmia 2017 deve ancora finire ma già si fanno i primi bilanci di questa stagione.

E’ stata un annata molto arida in Italia ; sono mancate le precipitazioni invernali che arricchivano le riserve idriche e gli acquazzoni estivi che davano respiro alle piante . Il 2017 si ricorderà per uno degli anni più caldi di sempre; il clima secco  con pochissime piogge soprattutto nei mesi estivi,  ha influito anche nello sviluppo della vite e nella maturazione dell’uva. In toscana gran parte delle aziende vinicole hanno anticipato l’inizio della raccolta proprio perché le alte temperature hanno portato ad una più veloce maturazione del frutto. Queste condizioni  hanno determinato una minor produzione che nella zona Val di Cornia – Suvereto si aggira attorno al 30%. Le stime vendemmiali, presentate da Unione Italiana Vini (Uiv) e Ismea per l’Osservatorio del Vino, prefigurano una perdita media del 26,1%, con punte di flessione in Valle d’Aosta (-32,5%), e al Centro-Sud e isole: Toscana -32,5%, Umbria -35%, Lazio -32,5%, Abruzzo -30%, Puglia – 30%, Basilicata -32%, Sicilia -35%, e Sardegna -35%. Però, non solo notizie negative da questa vendemmia 2017 la mancanza di umidità e le alte temperature hanno dato  uve sane e una selezione naturale di elevata qualità specie per le concentrazioni. Il Merlot è stato il primo vitigno ad essere raccolto per poi passare al Vermentino. Dopo qualche settimana abbiamo vendemmiato il Sangiovese, uno dei più belli degli ultimi anni! Mancano solo poche settimane per la completare questa vendemmia che si concluderà con il nostro Cabernet.

Vi consigliamo quindi di prendere nota di quest’annata e di acquistare uno dei nostri vini perché sarà sicuramente da conservare nella vostra cantina. 

Altre storie

rigoli_post_eventi_2020_E1

8 Agosto, degustazione in musica all’azienda Rigoli

L’azienda Rigoli prosegue la tradizione di eventi estivi con degustazione di vini e live music. Quest’anno la serata si terrà Sabato 8 agosto con una cena-degustazione dei nostri vini bianchi e rosato (ACCORDO, STRADIVINO, ALMA ROSE’), il menù prevede 3 portate a base di pesce curate dallo chef Giorgio...

1200px-Langhe

Intervista a Luigi Moio sul Paesaggio Italiano

L’ITALIA: UN MUSEO A CIELO APERTO DI PAESAGGI DISEGNATI DAI VITIGNI Professor Moio condivide l’idea che i paesaggi ita­liani siano stati disegnati anche dai vigneti? La viticoltura ha dato un contributo importantissi­mo al disegno del paesaggio italiano. Abbiamo una diversità incredibile di condizioni pedoclimatiche dalle Alpi fino alla Sicilia....

il paesaggio

Il Paesaggio del vino protagonista de Il Sommelier

I PAESAGGI DEL VINO A fine aprile scorso, la Fondazione Edison, in col­laborazione con Federvini, ha lanciato sul web Ar­tedivino, un filmato del registra tedesco Alexander Kockerbeck che documenta, in circa quaranta mi­nuti, il legame tra il nettare di Bacco, il territorio, l’arte e la cultura inquadrando numerosi scorci...

Newsletter

Iscriviti alla newsletter.

Privacy: Acconsento al trattamento dei dati personali

La parola del momento