29 Marzo 2019

Da Gentedimare 2.0: Nelusco Pini e il sale della «vite»

Riportiamo per intero l’articolo uscito sulla rivista on-line Gentedimare 2.0, che parla della nostra azienda ma soprattutto di chi l’ha fondata, Nelusco Pini.

(di Chiara Risolo)
Difficile dargli un’età. Gli occhi, radiosi e curiosi, potrebbero essere quelli di un bambino impertinente. Le mani, invece, raccontano di un uomo che con la fatica sotto braccio ha già fatto un bel pezzo di strada: vestite di polvere e vento impastano vino da oltre trent’anni. Nelusco Pini, patron dell’azienda Rigoli, una boutique di vitigni autoctoni e internazionali della Val di Cornia, è un prisma. Un poliedro che fischietta Aznavour e non senza metrica zappa la sua terra. Un produttore con la p di poesia, un mastro vinaio con la m di musicista.
Istrionico, cantastorie, maschio con innesti di femminilità che fanno di lui un’ottima padrona di casa. Nessun refuso in merito al genere: come una donna accoglie, come una donna sfama, come una donna dirige (amorevolmente). Anche i suoi figlioli, Edoardo la grancassa e Niccolò, il violino. L’azienda Rigoli mette l’uva sul pentagramma. Ed è così che nascono l’Accordo e lo Stradivino, i due bianchi che alzano il volume della vita quando le giornate si allungano. E poi i rossi, complessi, impuniti, sorprendenti. Come L’Assiolo, un supertuscan, ma soprattutto un vino che degustato a cena, promette alchimie notturne come il canto del piccolo rapace… Il N’Etrusco, nettare egoriferito quanto basta, perché l’assonanza con il nome di battesimo del produttore è lapalissiana. Il Testalto, blend di Sangiovese, Cabernet e Merlot, fiero e potente. E poi ci sono il Passito, che di nome fa Magistro e l’olio. E il sale. Anche se, quest’ultimo non lo produce. Non lo vende. Più semplicemente Nelusco ne mette in abbondanza. Sul cibo e metaforicamente sulla vita. Parola di commensali, parola di amici. Un’attitudine controcorrente in una terra, la Toscana, dove il pane è «sciocco». Ma Nelusco è così: mette sapore in ogni cosa, in ogni gesto, in cantina, tra i filari, per via di un entusiasmo innato (e contagioso). Trasforma parole piane in tronche. Emblematico il suo cappello, da cui non si separa mai. Ricorda proprio un accento. Acuto o grave a seconda di dove batte il sole.

 

Altre storie

rigoli_post_eventi_2020_E1

8 Agosto, degustazione in musica all’azienda Rigoli

L’azienda Rigoli prosegue la tradizione di eventi estivi con degustazione di vini e live music. Quest’anno la serata si terrà Sabato 8 agosto con una cena-degustazione dei nostri vini bianchi e rosato (ACCORDO, STRADIVINO, ALMA ROSE’), il menù prevede 3 portate a base di pesce curate dallo chef Giorgio...

1200px-Langhe

Intervista a Luigi Moio sul Paesaggio Italiano

L’ITALIA: UN MUSEO A CIELO APERTO DI PAESAGGI DISEGNATI DAI VITIGNI Professor Moio condivide l’idea che i paesaggi ita­liani siano stati disegnati anche dai vigneti? La viticoltura ha dato un contributo importantissi­mo al disegno del paesaggio italiano. Abbiamo una diversità incredibile di condizioni pedoclimatiche dalle Alpi fino alla Sicilia....

il paesaggio

Il Paesaggio del vino protagonista de Il Sommelier

I PAESAGGI DEL VINO A fine aprile scorso, la Fondazione Edison, in col­laborazione con Federvini, ha lanciato sul web Ar­tedivino, un filmato del registra tedesco Alexander Kockerbeck che documenta, in circa quaranta mi­nuti, il legame tra il nettare di Bacco, il territorio, l’arte e la cultura inquadrando numerosi scorci...

Newsletter

Iscriviti alla newsletter.

Privacy: Acconsento al trattamento dei dati personali

La parola del momento