1 Maggio 2020

Musica e Vino un binomio che influenza il nostro gusto

LA MUSICA INFLUENZA IL GUSTO DEL VINO


La ricerca dell’abbinamento perfetto, capace di esal­tare il sapore di un piatto annullando l’assuefazione gustativa, è forse il compito più arduo ma stimolante per ogni sommelier. Nella scelta del vino le variabili da considerare sono molteplici e spesso la preparazione della pietanza è diversa da come la si era immagina­ta, rendendo di fatto meno efficace l’accostamento. L’olio, che innalza la percezione degli aromi e l’untuo­sità, le spezie, che aumentano le sensazioni tattili e la complessità olfattiva, la cottura, che può influire sulla consistenza; sono aspetti difficilmente valutabili, che hanno come possibile conseguenza quella di sbilan­ciare l’equilibrio nell’interazione tra le componenti di cibo e vino.

Tuttavia, se si riuscisse ad influenzare il degustatore amplificando la percezione di alcuni caratteri del vino, si potrebbe cercare di ripristinare l’equilibrio tenden­do dunque all’abbinamento ideale.
Un valido strumento con il quale tentare di perse­guire questa insolita teoria (cfr box) si può trovare … nella musica.

Il binomio vino e musica non è certo una nuova scoperta, visto che da sempre è stato oggetto di tradizioni agresti, letteratura ed opere liriche. In alcune civiltà precristia­ne, nella società greca e in alcuni riti romani, flauti, ce­tre e arpe accompagnavano e favorivano il consumo del vino. Nella mitologia greca si narra di Orfeo, abilissimo suonatore di lira, fu ucciso dalle baccanti perché ado­rava il dio Sole più di Dioniso. Nei componimenti lirici i riferimenti al vino sono innumerevoli, basti pensare al Don Giovanni di Mozart, la Traviata di Verdi, la Cavalle­ria Rusticana di Mascagni o Il barbiere di Siviglia di Ros­sini. Ancora oggi il vino è protagonista in molte canzoni di autori come Rolling Stones, Gaber oppure Ligabue.

Il vino e la musica sono di fatto, in forme diverse, due elementi psicotropi, ossia capaci di alterare lo stato psico-fisco di un soggetto.

A dimostrazione di quanto descritto, il Professor Adrian North, dell’Università di Heriot-Watt di Edimburgo, ha condotto un esperimento volto a valutare le modalità e la misura in cui la musica è capace di influenza­re le percezioni gustative e cambiare la valutazione delle componenti del vino. Un gruppo composto da 250 studenti è stato suddiviso in cinque stanze sepa­rate. In ognuna di esse è stata diffusa una canzone diversa, eccetto la quinta in cui non è stata riprodot­ta alcuna musica. I brani in questione erano Carmina Burana di Carl Orff, il Valzer dei fiori dallo Schiacciano­ci di Tchaikovsky, Just can’t get enough dei Depeche Mode e Slow Breakdown di Michael Brook. A tutti gli studenti è stato chiesto di degustare e descrivere un Cabernet Sauvignon e uno Chardonnay dell’azienda ci­lena Alpha. Il risultato pubblicato dal British Journal of Psychology è che gli stessi vini sono stati descritti in maniera differente in base alla musica ascoltata.

Lo studio ha dimostrato una relazione tra le aree del cervello stimolate dalla musica e quelle stimolate dal­la degustazione. In questo modo quando si beve un bicchiere di vino ascoltando un brano, le aree attive interagiscono influenzando così la percezione delle componenti del vino.

Se si applicasse questo concetto si potrebbe elevare la degustazione alla sua quinta dimensione, coinvol­gendo dunque anche l’udito. In questo modo, proprio come uno chef che perfeziona il sapore della pietan­za aggiungendo spezie o condimenti a fine cottura, è possibile correggere in maniera mirata e selettiva la percezione dei caratteri del vino.

In presenza di un abbinamento non pienamente appa­gante in cui le componenti in esame hanno un minimo divario, con il giusto brano in sottofondo si può ri­pristinare l’equilibrio gustativo avvicinandosi così alla piena esaltazione del sapore.
di Marco Barbetti
Articolo tratto da “Il Sommelier”
Anche la nostra azienda ha sempre creduto in questo splendido binomio, tutta la nostra linea di bianchi e rosato sono infatti dedicati alla musica: Accordo, Stradivino, Alma Rosè

Altre storie

rigoli_post_eventi_2020_E1

8 Agosto, degustazione in musica all’azienda Rigoli

L’azienda Rigoli prosegue la tradizione di eventi estivi con degustazione di vini e live music. Quest’anno la serata si terrà Sabato 8 agosto con una cena-degustazione dei nostri vini bianchi e rosato (ACCORDO, STRADIVINO, ALMA ROSE’), il menù prevede 3 portate a base di pesce curate dallo chef Giorgio...

1200px-Langhe

Intervista a Luigi Moio sul Paesaggio Italiano

L’ITALIA: UN MUSEO A CIELO APERTO DI PAESAGGI DISEGNATI DAI VITIGNI Professor Moio condivide l’idea che i paesaggi ita­liani siano stati disegnati anche dai vigneti? La viticoltura ha dato un contributo importantissi­mo al disegno del paesaggio italiano. Abbiamo una diversità incredibile di condizioni pedoclimatiche dalle Alpi fino alla Sicilia....

il paesaggio

Il Paesaggio del vino protagonista de Il Sommelier

I PAESAGGI DEL VINO A fine aprile scorso, la Fondazione Edison, in col­laborazione con Federvini, ha lanciato sul web Ar­tedivino, un filmato del registra tedesco Alexander Kockerbeck che documenta, in circa quaranta mi­nuti, il legame tra il nettare di Bacco, il territorio, l’arte e la cultura inquadrando numerosi scorci...

Newsletter

Iscriviti alla newsletter.

Privacy: Acconsento al trattamento dei dati personali

La parola del momento