15 Ottobre 2020

Finisce la vendemmia 2020 o forse no…

vendemmia 2020
Nell’anno del Covid, uno dei più funesti dal dopo guerra, si conclude la vendemmia 2020 all’azienda Rigoli . Eravamo pronti ad aspettarci di tutto e invece la stagione estiva è stata davvero ottima per la maturazione dell’uva. Giugno è stato piovoso con temperature sotto la media, da luglio invece è iniziato un lungo periodo senza precipitazioni ma dove le temperature del giorno e della notte non erano troppo elevate. Questi fattori hanno permesso alla vite di fare riserve d’acqua e di far avere un progressivo accrescimento all’uva. Agosto invece si è caratterizzato per un caldo intenso che ha accelerato il processo di maturazione.

Ottimo il vermentino del 2020 che è arrivato in cantina con un perfetto bilanciamento di acidità, anche il merlot era di grande qualità e, come l’anno scorso, abbiamo fatto una selezione dei migliori grappoli per farne un Cru fermentato in barrique aperta, stesso metodo per il Cabernet Franc.
Abbiamo raccolto un po’ meno Sangiovese rispetto agli anni passati, un po’perché i nostri amici ungulati (soprattutto cinghiali) hanno banchettato con la nostra uva superando la rete elettrificata, dall’altro lato per condizioni della pianta che ha prodotto in minor quantità.  Ciò nonostante la qualità si è mantenuta molto alta come del resto dimostrato dai riconoscimenti avuti dal nostro Montepitti in questi anni.
Ma la stagione non può dirsi ancora del tutto conclusa infatti abbiamo ancora  la nostra Ansonica in appassimento per la produzione del nostro rinomato passito, solo quando anche l’ultimo acino sarà spremuto potremo finalmente dire che la vendemmia 2020 sia conclusa

Altre storie

legumi_salutari-e1455790646185

Legumi, quale abbinamento con i vini del centro Italia

I LEGUMI: QUANDO SI DICE CADERE A FAGIOLO Freschi o secchi? Questo è il dilem­ma: se sia da preferire una cioto­la di fave fresche e tenere appena sgusciate, dolci, sposate a piccoli bocconi di pancetta e di formaggio fresco – in Toscana cacio baccellone – oppure sfidar la bilancia...

eroica

Viticoltura eroica, il giro dell’Italia tra i vigneti “scomodi”

UNA VITICOLTURA CHIAMATA EROICA INTERVISTA A ROBERTO GAUDIO, PRESIDENTE USCENTE DI CERVIM È la viticoltura eroica delle zone particolarmente difficili, come montagna e piccole isole, e così è stata definita dall’articolo 7 del Testo Unico del Vino (L. 238/2016) e dal Decreto attuativo emanato a inizio estate, mu­tuando un’espressione...

vendemmia 2017

Vendemmia 2020 i numeri dall’osservatorio del vino

PRODUZIONE IN LIEVE CALO, MA LA VENDEMMIA 2020 SARÀ DI QUALITÀ In realtà si tratterebbe solo di un -1% rispetto al 2019, in previsione e arrotondando per eccesso di qualche decimale, ma il calo della produzione vitivinicola stimato per il 2020 non spaventa il settore, anzi in qualche modo...

Newsletter

Iscriviti alla newsletter.

Privacy: Acconsento al trattamento dei dati personali

La parola del momento