16 Maggio 2019

Cabernet Franc ancora tu, nuovo impianto all’azienda Rigoli

cabernet franc
Anche se la primavera a Suvereto tarda ad arrivare, i vigneti all’azienda Rigoli stanno esprimendo tutta la loro rigogliosità ed è arrivato il momento di entrare nella vigna per la potatura verde.
Dopo la costruzione della nuova cantina nel 2018 anche quest’anno la nostra azienda continua a crescere impiantando un nuovo vigneto di Cabernet Franc che tanto bene si è adattato ai nostri climi e che già viene coltivato nella nostra azienda ( ASSIOLO ).
Il terreno su cui è stato impiantato si trova ai piedi di una collina con una buona pendenza che degrada dolcemente. La composizione è mista argillo- sassosa con componenti minerali e calcarei.
Il Cabernet Franc è un vitigno che nella Val di Cornia ha saputo esprimere grandi vini dalla grande struttura e dai profumi inconfondibili.
I profumi del Cabernet Frac non potrebbero essere più franchi di così: peperone, pepe, tracce fumé e humus (foglie) che si mescolano ad un frutto scuro dove troviamo mirtilli, ribes, lamponi e fragole. Liquirizia, alloro, tracce terrose e sottofondo erbaceo sempre. Menta, cioccolato e violette procedono di pari passo. La sua carica balsamica è inconfondibile
Al palato è rotondo, caldo, ampio, di medio corpo, ma dotato di una freschezza vivace e soprattutto mai troppo pesante. Un buon Franc può essere un vino che crea dipendenza, ha un equilibrio che incoraggia alla beva e non lascia più scampo. Potreste confonderlo con il Cabernet Sauvignon, ma non è così tannico, scuro e intenso.
Ci vorrà qualche anno prima che il vigneto possa dare i primi vini, ma non abbiamo fretta lasciamo che la natura si prenda il suo tempo.

Altre storie

rigoli_post_eventi_2020_E1

8 Agosto, degustazione in musica all’azienda Rigoli

L’azienda Rigoli prosegue la tradizione di eventi estivi con degustazione di vini e live music. Quest’anno la serata si terrà Sabato 8 agosto con una cena-degustazione dei nostri vini bianchi e rosato (ACCORDO, STRADIVINO, ALMA ROSE’), il menù prevede 3 portate a base di pesce curate dallo chef Giorgio...

1200px-Langhe

Intervista a Luigi Moio sul Paesaggio Italiano

L’ITALIA: UN MUSEO A CIELO APERTO DI PAESAGGI DISEGNATI DAI VITIGNI Professor Moio condivide l’idea che i paesaggi ita­liani siano stati disegnati anche dai vigneti? La viticoltura ha dato un contributo importantissi­mo al disegno del paesaggio italiano. Abbiamo una diversità incredibile di condizioni pedoclimatiche dalle Alpi fino alla Sicilia....

il paesaggio

Il Paesaggio del vino protagonista de Il Sommelier

I PAESAGGI DEL VINO A fine aprile scorso, la Fondazione Edison, in col­laborazione con Federvini, ha lanciato sul web Ar­tedivino, un filmato del registra tedesco Alexander Kockerbeck che documenta, in circa quaranta mi­nuti, il legame tra il nettare di Bacco, il territorio, l’arte e la cultura inquadrando numerosi scorci...

Newsletter

Iscriviti alla newsletter.

Privacy: Acconsento al trattamento dei dati personali

La parola del momento