15 Giugno 2017

Naturisti, arriva BNatural il nuovo Agricampeggio in Val di Cornia

Ha appena aperto i battenti “BNatural Naturism&Glamping”, il primo agricampeggio per naturisti della costa toscana.

Nel nome è già espresso il concetto che ha accompagna- to la nascita di questa moderna struttura immersa nel verde: il lusso di sentirsi liberi e in armonia con la natura. Rispettando se stessi, gli altri e l’ambiente circostante. Un posto dunque pensato per gli amanti del naturismo, del mare, del relax, che potranno godere delle bellezze vicine: c’è la spiaggia Fkk il Nido dell’aquila, Baratti, Populonia, e facilmente raggiungibili sono i tanti borghi medievali e i centri turistici che arricchiscono il territorio.

L’idea di offrire un posto in cui accogliere i naturisti, da anni in vacanza da queste parti, è dei giovani fratelli Tognoni, Marco e Luca, ed e legata all’azienda agricola di famiglia [trasformata mesi fa in agricampeggio] che mamma Norma Franceschini e babbo Sergio hanno realizzato con tanta passione, che si trova a pochi passi dal “BNatural Naturism&Glamping”, in via delle Caldanelle, sulla strada che da Venturina porta a Baratti. «Appena abbiamo visto il punto e lo spazio — ci dice Marco — io e Luca abbiamo pensato la stessa cosa. Ci è subito sembrato il luogo ideale per praticare naturismo, perché circondato interamente dal verde e quindi impenetrabile alla vista dall’esterno. In più, considerando che abbiamo vicinissimo una delle spiagge naturiste più famose d’Europa “Il Nido dell’Aquila”, abbiamo pensato di dare un servizio che fino a ora mancava al nostro bellissimo territorio. Quindi un’opportunità per il territorio e per gli utenti”. Esistono alcuni agriturismi in Toscana dove si pratica naturismo, ma il “BNatural Naturism&Glamping” è unico nel suo genere, e il primo lungo la costa degli Etruschi. «Si tratta di un agricampeggio — spiega Marco — legato quindi alla nostra azienda agricola che produce frutta e verdura a chilometro zero, di qualità eccellente, secondo i principi della lotta integrata». Per allontanare i parassiti usano feromoni che li confondono e allontanano, ed e proprio osservando la naturalità di questa metodica che i fratelli Tognoni hanno cominciato a ragionare sul naturismo e il suo approccio alla natura.

Nulla a che fare con trasgressione o quant’altro. Il “BNatural Naturism&Glamping” nasce per appoggiare un movimento naturista sano, dedicato a tutte quelle persone che praticano la nudità come stile di vita, per un contatto diretto e meno artificioso con la natura. E in un ambiente ideale per tutta la famiglia. Ci sono una zona camper e roulotte, una zona per le tende e infine l’elemento caratterizzante, ovvero le tende “lodge” di 30 metri quadri con 4 posti letto, veranda con tavoli e sedie e frigobar. Presto verranno realizzati dei punti di ristoro, e ci sono barbecue dove gli ospiti possono cucinare i prodotti dell’azienda. Il progetto dei Tognoni era stato presentato a fine maggio all‘interno di un‘iniziativa di Anita, Associazione naturista italiana, tenutasi a Venturina.

Il tema era “Naturismo e opportunità di sviluppo turistico”. «Penso che il naturismo sia un modo per ritrovare armonia e per rilassarsi — aggiunge Marco —, spogliandoci e come lasciare tutto quello che quotidianamente ci affanna e tutti i preconcetti verso gli altri. Saltano tutti gli schemi dettati dalla società per tornare a essere come eravamo in origine, noi e la natura. Credo che questa pratica possa rigenerare corpo e la mente e offrire allo stesso tempo un servizio utile al nostro territorio, attirando una fascia di turismo specifica».

Tratto da Il Tirreno (Annalisa Mastellone)

 

 

 

Altre storie

il paesaggio

Il Paesaggio del vino protagonista de Il Sommelier

I PAESAGGI DEL VINO A fine aprile scorso, la Fondazione Edison, in col­laborazione con Federvini, ha lanciato sul web Ar­tedivino, un filmato del registra tedesco Alexander Kockerbeck che documenta, in circa quaranta mi­nuti, il legame tra il nettare di Bacco, il territorio, l’arte e la cultura inquadrando numerosi scorci...

unnamed

Vino in Anfora, la modernità nella tradizione

TERRACOTTA, LEGNO E… PELLE? Negli ultimi anni si è assistito ad una vera e propria gara a braccio di ferro tra i due più noti contenitori utilizzati per la vinificazione: da una parte la botte di legno, dall’altra l’anfora, tornata in auge a segui­to dello straordinario lavoro di diversi...

memoria olfattiva

LA MEMORIA OLFATTIVA NELL’ ANALISI SENSORIALE DEI VINI

La capacità di riconoscere un determinato stimolo olfattivo si­gnifica attuare un’operazione di discriminazione e appartenenza a gruppi o classi di famiglie odo­rose raggruppate e ordinate nel­la nostra memoria olfattiva. La determinazione di un riconosci­mento olfattivo passa attraverso l’attribuzione di un determinato utilizzo di un descrittore seman­tico che appartiene al...

Newsletter

Iscriviti alla newsletter.

Privacy: Acconsento al trattamento dei dati personali

La parola del momento