22 novembre 2016

Sagra del cinghiale a Suvereto, prima data il 27 novembre

SAGRA-CINGHIALE-DI-SUVERETO

Arriva la sagra del cinghiale a Suvereto, immancabile appuntamento di dicembre. Dopo la sua candidatura come “Borgo più bello d’Italia” nella trasmissione televisiva su RAI3 “Alle falde del Kilimangiaro”, il paese si prepara ad accogliere i visitatori del 49ª edizione. Le date della sagra saranno il 27 novembre e poi il 4, 8 e 11 dicembre, come tutti gli anni l’evento offrirà un mix di sapori, cultura e folklore locale. Ci sarà la nota sfilata storica con i costumi medievali, le bancarelle degli artigiani del legno e del cuoio, e naturalmente la vasta proposta di delizie gastronomiche a base di Cinghiale e non solo. In quei giorni la nostra azienda sarà aperta per degustazioni e per chi volesse acquistare qualche confezione regalo per il Natale.

Naturalmente in questo contesto non potranno mancare il vino e l’olio locale che hanno contribuito a rendere famoso Suvereto in tutta Italia e nel mondo.
Forse molti non sanno che proprio da Suvereto nasce la storia della valorizzazione del vino in Val di Cornia. Erano gli inizi degli anni 80’ e la crisi dell’agricoltura si faceva sentire, alcuni agricoltori che avevano già una produzione di vino destinata alla vendita dello sfuso in damigiane si fecero promotori, insieme all’amministrazioni locali, della valorizzazione del prodotto del vino. Un processo che stava già avvenendo in altre zone della Toscana, come Bolgheri, ma anche nella vicina Venturina con la costituzione dell’associazione Vignaioli alta Maremma.

A questo punto si contattò l’enologo Marco Stefanini che già collaborava con questa associazione, venne stilato un disciplinare che puntava alla valorizzazione dei vitigni autoctoni come il sangiovese.  Nacque dunque il primo vino da tavola di Suvereto: il Ghibello.

La nostra azienda nascerà dieci anni dopo nel 1992 e da allora è cresciuta e in simbiosi con il territorio e la DOC Val di Cornia.

SAGRA-CINGHIALE-DI-SUVERETO

Altre storie

olio toscano

Olio Toscano, alla scoperta delle cultivar

Vi proponiamo questo articolo sulle cultivar dell’olio toscano, alla scoperta di quelle meno conosciute Oleum nostrum Viaggio alla scoperta delle varietà olivicole della ToscanaAmericano, Arancino, Cuccu, Cuoricino, Lazzero, Madonna dell’Imprunera, Melaiolo, Puntino, Tondello. Questi sono solo alcuni tra i nomi più curiosi e soprattutto sconosciuti che si ritrovano all’interno...

G0028230

Val di Cornia e Suvereto sulla scia dei giovani in agricoltura

  L’ Italia è leader europea per l’interesse delle nuove generazioni per il lavoro in campagna. I giovani under 35 hanno portato profonde innovazioni con attività che vanno dalla trasformazione aziendale dei prodotti alla vendita diretta, dalle fattorie didattiche agli agriasilo, ma anche l’agricoltura sociale, l’agribenessere e la cura...

museo del vino

2 giugno, s’inaugura il museo del Vino

  Dagli Etruschi al Sassicaia 3.000 anni di storia del vino della Costa Toscana Si inaugura il 2 giugno il nuovo museo del vino presso il casone Ugolino. MUSEUM, questo è il suo nome, è un’esperienza sensoriale progettata a due “teste” dal Prof. Attilio Scienza, famoso enologo e storico conoscitore...

Newsletter

Iscriviti alla newsletter.

Privacy: Acconsento al trattamento dei dati personali

La parola del momento